Demo ARXivar
Lavora con noi

Digitalizzazione dei dati e futuro delle imprese

Le aziende del futuro diventeranno sempre più digitali. Nell’ultimo periodo, anche a causa della pandemia, la digitalizzazione dei dati è salita in cima alle priorità aziendali, diventando il punto di competizione fondamentale per le aziende.

La digitalizzazione dei dati per il futuro

In un periodo in cui le abitudini di consumo di miliardi di persone sono cambiate e dopo un’impennata della domanda di acquisti digitali, è fondamentale avere le capacità di saper raccogliere, analizzare e trasformare i dati nella maniera più efficiente e ottimizzata.
I “big data” sono la chiave di volta della trasformazione digitale, ma fino ad ora non tutti si erano accorti del potenziale. La forza dei dati risiede soprattutto nella loro velocità di diffusione grazie a strumenti tecnologici più semplici, come gli smartphone, i tablet e i pc, oppure complessi relativi all’industria 4.0. La sola raccolta di dati però non è sufficiente. Il potenziale è sfruttarli al meglio nel rispetto del loro trattamento. Bisogna dare un valore alle informazioni che possono aprire subito nuovi scenari per interessanti decisioni strategiche a medio e lungo termine.
Data-driven
Per essere competitive e crescere, le aziende devono essere “data-driven”, ovvero guidate dai dati. I dati hanno sempre più un ruolo chiave nella crescita di ogni business, permettono di estrapolare informazioni in maniera più veloce cogliendo i benefici in ogni settore e creano valore reale. L’analisi dei dati sta aprendo sempre più a nuovi scenari di business poiché permette di conoscere meglio i settori produttivi.

La sfida delle PMI

Le Pmi devono affrontare oggi grandi sfide, come se fossero organizzazioni complesse e devono assolutamente stare al passo con la trasformazione digitale delle aziende e dei mercati. Per poter competere in un mercato in continua evoluzione, è importante avere un supporto più intenso nella prima fase della digital transformation, in cui ridisegnare le tecnologie e i processi digitali. Se compresa in anticipo, la tecnologia e la sua fruibilità possono essere semplici. Si possono infatti utilizzare strategie trasversali a tutte le linee di business e per i diversi dipartimenti.

L’avvento dell’industria 4.0

Con il termine Industria 4.0 si definisce perciò la trasformazione tecnologica che sta investendo l’economia, dalla produzione, al consumo, fino ai trasporti e alle comunicazioni. La digitalizzazione, infatti, è il filo conduttore di tutto, insieme all’automazione. La transizione però, ha due facce distinte:

  • offre grandi opportunità e maggior benessere, attraverso una migliore produttività, soddisfacimento di nuovi bisogni e maggiore efficienza dei processi produttivi
  • il “salto tecnologico” è anche una sfida alla sostenibilità sociale del sistema economico.

Il potere di mercato deve subito beneficiare delle nuove tecnologie a disposizione in modo che i nuovi processi e i cambiamenti legati all’avvento dell’Industria 4.0 portino grandi opportunità per le aziende e tutti gli stakeholder. Introdurla in azienda con responsabilità permette di ottimizzare il lavoro. Il coinvolgimento di tutti i settori, dalla sanità, ai trasporti fino alle altre industrie caratterizzate da livelli medio-alti di complessità diventa un valore aggiunto che non può essere assolutamente trascurato.

Digitalizzazione dei dati
Digitalizzazione dei dati e futuro delle imprese – Foto di Pixabay

Il valore della digitalizzazione per il futuro

La trasformazione digitale porta a dei processi innovativi. Se se ne usufruisce al meglio, si può convertire anche l’offerta di lavoro, andando a formare con conoscenze più approfondite i lavoratori, che potrebbero occuparsi di nuove mansioni più utili, eliminando così le occupazioni a bassa intensità. La diffusione delle tecnologie digitali nella gestione delle relazioni lavorative potrebbe quindi creare nuove forme di lavoro e qualifiche, in modo da poter affrontare le continue sfide insite nel cambiamento della società, che richiedono dunque un significativo sforzo di analisi per stare sempre al passo con le nuove richieste di mercato, assecondando i clienti e non deludendo i fornitori.

Le trasformazioni tecnologiche

Soffermandoci quindi in particolare sull’attenzione che le trasformazioni tecnologiche in atto stanno avendo e potranno avere sul lavoro, è importante quindi abbracciare la digitalizzazione affidandosi a un valido supporto che possa guidare i manager delle aziende verso le opportunità che l’Industria 4.0 offre garantendo, allo stesso tempo, anche tutele per i lavoratori e un’innovazione che porti vantaggio a tutti. Quindi, la relazione tra cambiamento tecnologico e lavoro deve coniugare con semplicità:

  • quantità e qualità dell’occupazione;
  • performance aziendali;
  • competenze e formazione;
  • nuova organizzazione del lavoro e workflow efficace;
  • interazioni interne ed esterne.

LE PMI svizzere e la digitalizzazione dei dati

In base al rapporto fornito ai suoi Stati membri e intitolato The Digital Transformation of SMEs, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) spiega quali sono i notevoli vantaggi della digitalizzazione per le piccole e medie imprese. Se stai pensando di evolvere la tua azienda in Ticino, queste informazioni fanno per te.

Le PMI sono veri e propri motori economici, creano posti di lavoro e gettano le fondamenta di una società sostenibile. Queste occupano un posto centrale nell’economia dei paesi membri dell’OCSE, di cui fa parte la Svizzera. L’unico problema che si nota però è un evidente ritardo nell’ambito della digitalizzazione. Questa situazione, infatti, sta preoccupando l’organizzazione perché accresce le disparità tra le persone, le regioni e le imprese e lascia indietro l’azienda rispetto ai suoi competitor più aggiornati. La digitalizzazione delle PMI deve diventare quindi una priorità assoluta per l’azienda e per lo stato svizzero.

Ci sono comunque delle rilevazioni positive. Le PMI riescono bene a reggere il confronto con le grandi aziende quando si tratta di vendita online, gestione dei propri social network e interazioni generali. Il problema diventa importante quando si parla di automazione dei processi, digitalizzazione aziendale, workflow e applicazioni digitali più sofisticate da cui dipendono accurate analisi dei dati o la condivisioni attraverso il cloud. Sono questi elementi il vero plus valore dell’azienda che mira al futuro.

Ovviamente, come anticipato, la crisi portata dalla pandemia di COVID-19 è stata un acceleratore per la digitalizzazione delle PMI. In base ai dati pervenuti dalle ultime rilevazioni, circa il 70% delle piccole e medie imprese è riuscita a incrementare il proprio utilizzo degli strumenti digitali. E la cosa più interessante è che i vantaggi si sono fatti vedere anche nell’immediato.

L’importanza di Arxivar

L’arrivo accelerato della digitalizzazione ha avuto un lieve risvolto incauto. Ovviamente, l’avvento del digitale nell’azienda ha portato a dei rischi legati alla cybercriminalità, che sono chiaramente aumentati proporzionalmente. Pur essendo meno a rischio rispetto a una realtà di grandi dimensioni poiché i dati di cui dispongono sono di minor quantità, le PMI devono tener conto de questa problematica e investire nella sicurezza digitale affidandosi a provider sicuri e ad agenti che seguano il passaggio passo passo, fornendo i giusti mezzi per una buona riuscita. Arxivar può fare al caso tuo!

Le PMI devono capire l’importanza della digitalizzazione per tornare o rimanere competitive e beneficiare dei vantaggi sia per l’azienda che per chi la vive.